Il Gatto Annusa il Cibo ma Non Mangia? Ecco 7 Trucchi per Farlo Mangiare

Cibo per gatti, Consigli

  • Home
  • /
  • Blog
  • /
  • Il Gatto Annusa il Cibo ma Non Mangia? Ecco 7 Trucchi per Farlo Mangiare

Perché il gatto annusa il cibo ma non mangia? Se hai un gatto, saprai bene quanto è difficile a volte decifrare il comportamenti di questi splendidi animali.

E se alcuni possono essere divertenti, altri possono farti preoccupare.

Nel caso di un gatto inappetente, giustamente potresti allarmarti.

Per questo oggi voglio spiegarti nel dettaglio qual è il significato di questo comportamento. Quali sono le possibili cause e infine le possibili soluzioni e diversi trucchi per far mangiare il gatto.

More...

Il gatto annusa il cibo ma non mangia

un gatto che annusa il cibo ma. non mangia

I motivi per cui un gatto annusa il cibo ma non mangia sono potenzialmente molti. Si tratta, infatti, di un sintomo legato a un gran numero di situazioni. 

Adesso scoprirai quali possono essere le cause più comuni.

Questo tipo di atteggiamento può essere legato al caldo. Così come noi umani, anche i nostri amici felini patiscono il caldo più intenso.

Uno degli effetti del clima torrido, è la perdita dell’appetito. Se l’inappetenza si verifica in piena estate e il micio tende a bere più del solito, molto probabilmente il tutto può essere collegato proprio alle temperature elevate che lo infastidiscono.

Cause legate al suo cibo

Adesso parliamo delle cause più comuni per cui il tuo gatto rifiuta il cibo e che sono legato alla sua alimentazione.

  • Se il cibo è scaduto o comunque andato a male, il risultato potrebbe essere un gatto che, pur annusando il contenuto della ciotola, si rifiuta di mangiarlo. Quindi il mio consiglio è di controllare il cibo. Un accessorio che può esserti utile per dare al gatto cibo sempre fresco è un dispenser automatico di cibo per gatti.
  • Altro fattore scatenante può essere un cambiamento della dieta. Non mi sto riferendo solamente al passaggio da alimenti secchi a umidi o da cibo per gattini a quello per adulti, ma anche, più semplicemente a un cambio di marca. Il mio consiglio è quello di cambiare il cibo gradualmente. Quindi aggiungere al cibo che è solito mangiare piccole quantità del nuovo cibo e aumentare gradualmente le dosi fino alla completa sostituzione.
  • Una possibilità tutt’altro che remota potrebbe essere quella di un’intossicazione alimentare (soprattutto per i gatti che vivono all’aperto). Qualche insetto o piccolo vertebrato o altre tipologie di cibo “non convenzionale” che il micio potrebbe aver trovato in giardino o sul terrazzo, possono essere la causa scatenante della mancanza di appetito. Quindi porta il gatto dal veterinario per assicurarti che non sia nulla di tutto ciò.

Cause di natura medica

Tutte le potenziali cause che ti ho elencato finora, risultano a grandi linee di facile risoluzione. In alcuni casi serve solamente pazienza, in altre l'intervento del veterinario. Se il tuo gatto annusa il cibo ma non mangia però, il problema potrebbe essere decisamente più grave.

  • Se un problema alle gengive può rendere difficile l’alimentazione, esistono altri fenomeni ben più preoccupanti.
  • Legate a fenomeni di inappetenza infatti, possono anche essere disfunzioni renali, problemi del sistema digerente e, in casi limite tumori.

Ora per favore non ti allarmare. Sono "eventi" abbastanza rari, ma per sicurezza il mio consiglio è sempre quello di rivolgerti al medico veterinario.

Ovviamente poi, se l’animale ha subito un’operazione da poco ed è in fase di convalescenza, potrebbe facilmente attraversare un periodo in cui non ha proprio voglia di nutrirsi. Per alcuni soggetti particolarmente sensibili, una semplice vaccinazione può alterare, anche se temporaneamente, l’appetito.

Altri motivi per il gatto rifiuto il cibo

Altre cause di un gatto inappetente possono essere legate all’aspetto prettamente psicologico. In questo senso, periodi particolarmente stressanti.

Pur se per te può non sembrare così traumatico, un semplice trasloco può “rompere” la routine del gatto, creando un disagio psicologico che porta all’inappetenza. In tal senso, ugualmente l’introduzione di un nuovo animale nel contesto familiare o l’assenza (più o meno prolungata) del padrone può causare effetti simili.

Un ulteriore fattore che può rendere un gatto inappetente, è senza ombra di dubbio la presenza di una palla di pelo nello stomaco.

È naturale che il gatto, nell’esercizio della sua igiene si lecchi il pelo, ma molto di questo viene ingurgitato. Il bolo che si va a creare nello stomaco dell’animale infatti, non solo causa un falso senso di sazietà, ma può anche determinare altri problemi come la disidratazione dell’animale, così come la difficoltà respiratorie, vomito e dolori intestinali.

Per fortuna, in questo caso, esistono alcuni particolari croccantini che possono aiutare il micio ad evitare la formazione del bolo.

Nonostante possa sembrare qualcosa di poco importante, addirittura la posizione della ciotola può influire sull’appetito. Se questa è situata nelle vicinanze della lettiera, l’animale potrebbe giustamente) percepire il luogo come poco pulito.

Perché è fondamentale che il gatto inizi a mangiare

Un gatto inappetente può essere un fattore temporaneo, ma assolutamente da non sottovalutare, perché potrebbe rivelarsi molto più preoccupante di quanto potresti immaginare. Si tratta infatti, di animali diversi rispetto a noi. Se il tuo piccolo amico non si alimenta con costanza, non avrebbe come effetto semplicemente un calo di peso come per gli essere umani, ma potrebbe andare incontro a danni anche irreparabili per quanto riguarda i suoi organi.

La degenerazione del fisico, comincia già dopo appena un giorno di digiuno. Se l’animale non assume costantemente proteine, in grasso tende ad accumularsi nel fegato, causando un’insufficienza epatica.

Per evitare dunque di aspettare è essenziale: alle prime avvisaglie di inappetenza soprattutto se l’animale presenta altri sintomi o comportamenti anomali, è bene rivolgersi al proprio veterinario di fiducia.

Come far mangiare il gatto che rifiuta il cibo: ecco 7 trucchi per far mangiare il gatto

trucchi per far mangiare il gatto

Se il gatto annusa il cibo ma non mangia per questioni puramente psicologiche, potrebbe servire giusto una piccola spinta per sistemare tutto. Di seguito ti propongo 5 trucchetti davvero efficaci per convincere il tuo micio a consumare il cibo.

Scalda il cibo

L’appetito del gatto viene stimolato principalmente dal loro olfatto. Tenendo presente che, un alimento caldo ha un odore generalmente più intenso, riscaldare leggermente il cibo può invogliare l’animale ad alimentarsi.

Per raggiungere tale scopo puoi aggiungere un po’ di acqua calda nel cibo e poi mescolare il tutto. Ciò, oltre a rendere più appetibili gli alimenti, può essere d’aiuto anche per i gatti che tendono ad assumere pochi liquidi. In alternativa puoi utilizzare, stando attento a non scaldare troppo, anche il microonde.

Aggiungi un po’ di formaggio

Per un gatto adulto, il formaggio non rappresenta l’alimento ideale. Spesso infatti, dopo la fase di svezzamento, possono tendere ad essere intolleranti al lattosio. Nonostante ciò, in vari casi, una piccola quantità di formaggio può non essere così dannosa.

Se il gatto è inappetente per questioni psicologiche, questo alimento dall’odore così intenso può risultare un ottimo incentivo al consumo di cibo. Basta abbinare alla consueta pappa un po’ di formaggio e vedere come si comporta l’animale.

Prova a cambiare cibo

Altro tentativo che si può fare per stimolare l’appetito, può essere quella di cambiare tipologia di cibo.

Che si tratti di crocchette o di umido, un cambiamento di questo tipo potrebbe stimolare l’innata curiosità del gatto, e spingerlo a un maggiore interesse rispetto alla ciotola.

Non sai come scegliere? Ci abbiamo pensato noi. In questo articolo trovi le migliori crocchette per il tuo gatto accuratamente selezionate per te : https://www.ilmeglioperglianimali.it/migliori-crocchette-gatti/

Passare a un cibo umido

E se il problema non fosse il cibo in sé, ma la sua consistenza? Nonostante crocchette e soluzioni simili siano funzionali per il fisico del gatto, la sua natura lo porta a prediligere in maniera più o meno spiccata il cibo umido.

Nel caso il secco non attiri particolarmente il micio, proporre un’alternativa costituita da cibo umido potrebbe risvegliare i suoi appetiti. Offrire una doppia ciotola con entrambe le alternative, può essere di notevole aiuto in tal senso.

Non sai come scegliere l'umido? Ecco un articolo con le migliori scatolette per il tuo gatto.

Vai dal veterinario

Come già accennato, se non noti un cambiamento immediato nel comportamento del gatto, perdere tempo potrebbe risultare estremamente pericoloso. Contatta immediatamente il veterinario o, se possibile, recati direttamente da lui con il gatto.

Spesso tutto si risolve con un esame e qualche consiglio da parte del professionista, dunque agire tempestivamente è sempre e comunque la scelta migliore.

Posiziona la ciotola nel punto più adatto

Un altro modo per favorire l’alimentazione di un gatto che non mangia è quello di scegliere con attenzione la posizione della sua ciotola.

Oltre a un’adeguata distanza dalla lettiera, questa dovrebbe essere in un luogo tranquillo, possibilmente sopraelevato. Quest’ultima caratteristica consentire al micio di alimentarsi in tutta tranquillità, mantenendo il controllo sulla zona circostante.

In questo modo, per esempio, il gatto non si sente in competizione con eventuali altri animali domestici, come un cane.

Integra erba gatta o eventuali integratori nella sua dieta

Un altro trucco per far mangiare il gatto, soprattutto se stressato, è offrirgli dell’erba gatta. Puoi facilmente coltivare questa in un piccolo vaso (in giardino o in terrazza) oppure acquistarla direttamente.

Questo vegetale infatti, può aiutare l’animale a ridurre il livello di stress e a contrastare eventuali problemi digestivi. Dopo che il tuo gatto avrà consumato l'erba, avrà molto più appetito di prima.

Ultimamente sto provando quest'erba gatta e i miei 2 mici apprezzano!

In alternativa puoi ricorrere direttamente a degli integratori appositi, capaci di fornire sostanze come sali minerali e aminoacidi essenziali utili per regolarizzare il lavoro dello stomaco del micio.


Altri articoli che potrebbero interessarti...

Hai domande? Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati

{"email":"Email address invalid","url":"Website address invalid","required":"Required field missing"}

Ilmeglioperglianimali.it partecipa al Programma Affiliazione Amazon EU, un programma di affiliazione che consente ai siti di percepire una commissione pubblicitaria pubblicizzando e fornendo link al sito Amazon.it

0 Shares
Share via
Copy link
Powered by Social Snap